N° 9
I Quaderni dell'Oplepo
Edizioni OPLEPO, Napoli, 2018

Indice

Introduzione di Laura Brignoli
Le costrizioni liberatorie degli artigiani della parola


Elena Addòmine, Il jabberlotus

Paolo Albani, Se sono lettere fioriranno

Raffaele Aragona, Ghirlanda endecasillabica

Raffaele Aragona, Identikit del botanico

Alessandra Berardi, Eufloria

Alessandra Berardi & Anna Busetto Vicari, Rousseau nel giardino di Rousseau

Giulio Bizzarri, Florilegio

Laura Brignoli, Botanica Vip

Laura Brignoli, Etimologie perverse: i fiori da lettura

Ermanno Cavazzoni, I sette cuori

Brunella Eruli, La pianta del piede

Daniela Fabrizi, Abhorrens abiecta

Marco Maiocchi, Il pioppo libero

Paolo Pergola, Frutta

Aldo Spinelli, orto meta para

Giuseppe Varaldo, Insolite famiglie

Giuseppe Varaldo, La resurrezione di Lazzarolo

Eliana Vicari, Gli aromi famosi

Gianni Zauli, Botanica fantastica

_____________________________________

 

Elena Addòmine

Il jabberlotus



Era il tirillo che coi viviscidi branci
levava stringhi al cielo nel giardonio;
la sòlea stava a stecco con i manci
mentre il giraluna moccettava il conio.

“Guardati dal jabberlotus figliuol mio
dalle trappole ungerose e il fogliame usticante!
Sfuggi dal giabbi-fior, perdio
e rifuggi dall’artesia spiralante.”

La man stringea il macete affitagliente
cercando il mostro-pianta con ardore;
vicino ad un kumode fiorescente
fermossi un poco ad annusar l’odore.

E mentre ponderava la sigurya
il jabberlotus ei vide all’improvviso
con foglie-fauci ed un’artiglia spuria
che aprendosi di sputi coprì il viso.

La man armata il vegetale avversa:
swish swosh gli trancia il fusto audace
tagliando a pezzi la verdura tersa
e torna a casa con il cor appace.

 “Il jabberlotus! E l’hai trovato tu?
Sfidando leperare e le mollette?
O giorno erboglorioso! Ippioh! Ippiuh!”
Si rilassò tagliando antale a fette.

Era il tirillo che coi viviscidi branci
levava stringhi al cielo nel giardonio;
la sòlea stava a stecco con i manci
mentre il giraluna moccettava il conio.


 

«Collage semantico» de “Il ciciarampa”, per la traduzione di Antonio Bellomi del “Jabberwocky” (da Dietro lo specchio di Lewis Carroll), e della Botanica parallela di Leo Lionni, della quale sono stati inseriti nomi e descrizioni parziali delle piante: Antala, Leperara, Kumode, Tirillo, Molletta, Artisia, Sòlea, Sigurya.