OpLePo è l'acronimo di Opificio di Letteratura Potenziale

 

Opificio è un luogo nel quale si opera, si produce; nel caso del nostro opificio si producono "strutture" letterarie; "opificio" è traduzione libera, ma significativa, del francese ouvroir, del quale ripete il tono ironico (propriamente ouvroir in francese designa il laboratorio di cucito in un convento di monache o in un istituto di beneficenza).

Letteratura è da intendersi in senso lato e dimostrativo, poiché nell'ambito dell'OpLePo vivono altre attività parallele quale quella del TEAnO (Telematica, Elettronica e Analisi nell'Opificio) o della MUPO (Musica Potenziale), della PIPO (Pittura Potenziale) o della CUPO (Cucina Potenziale), ecc.

Potenziale è detto perché i suoi prodotti non sono reali.  L'opificio è una fabbrica di strutture, di metodi, dei quali interessa dimostrare la potenziale capacità di produrre altri testi.
 

L'Oplepo è nato a Capri nel novembre 1990, omologo del gruppo francese dell'OuLiPo.