L'ALFABETO RAFFIGURATO
Biblioteca Oplepiana N. 12
(1996)

La struttura si basa sulla costruzione di una figura geometrica composta da un numero "x" di righe, ognuna delle quali è formata da un numero "y" (fisso o variabile, a seconda della figura) di caselle contenenti una lettera o un segno d'interpunzione in modo tale da realizzare un testo di senso compiuto.
Semplificando, per brevità, le relative istruzioni, basterà precisare che ogni "griglia letteraria" deve comprendere, in posizione perfettamente centrata, la raffigurazione di una lettera dell'alfabeto attraverso le presenze di tale lettera nel testo, lettera che non apparirà ulteriormente in altre parti dello scritto.
Paolo Albani, ideatore della struttura, ha composto in forma di rettangolo 27x7 ventisei esercizi verbo-visivi (uno per ciascuna lettera dell'alfabeto) sulle amenità della vita, riunendoli sotto il titolo di Geometriche visioni, dodicesimo fascicolo della "Biblioteca oplepiana".
"Nettare poetico" è il titolo della quinta "griglia", quella che contiene la lettera E:
 

cola il miElE ElEgiaco dono

di avidi tEssitori di tropi

sornioni rEfusi di bizzarri

linguaggi E EsEmplari libri

culto di fElici scarabocchi

aforismi lEgati agli spasmi

di un piacErE ErEtto a mito